Q&A – Norman Reedus (Daryl Dixon)

Daryl Dixon

Norman Reedus, che interpreta Daryl Dixon nella serie dell’AMC The Walking Dead, parla di risolvere le cose con suo fratello nello schermo a suon di pugni, di condividere il nomignolo che ha dato alla bambina di Rick e spiega perché Chandler Riggs lo considera l’altro ragazzino nel set.

D: Emily Kinney ci ha parlato di come ha lavorato con le sue qualità di cantante nello show. Qualcuna delle tue abilità fuori dallo schermo è stata integrata nel tuo personaggio?

R: Non posso cantare come Emily, ma molte mie caratteristiche sono in Daryl. Vado in moto e sono bravo a dare alla gente brutte occhiatacce.

D: E’ da qualche anno che vai in moto sul set e fuori dal set. Hai trovato qualche bella e remota strada da percorrere in Georgia?  

R: Vado verso sud e non so nemmeno dove mi trovo. Guido per ore. Ho trovato tanti nuovi percorsi e nuove strade. La moto che guida Daryl è quella che hanno scelto dalla prima stagione – e che hanno trovato per caso. Hanno trovato questa moto e hanno lasciato gli adesivi che erano attaccati a essa ed è piaciuta talmente tanto che non hanno voluto cambiare niente.

D: E’ difficile immaginare chiunque altro interpretare Daryl. Quali sono alcuni dei modi in cui hai reso tuo il personaggio?

R: Quando fai televisione, hai l’opportunità di trovare sottili indizi ovunque. Il modo in cui vedi le cose, per esempio, a volte quei semi si trasformano in alberi. Mi è successo diverse volte. L’infanzia di Daryl, ad esempio. Nella seconda stagione, quando Carol mi bacia dopo che Andrea mi ha sparato, sono trasalito. Non era sul copione e ora, quest’anno, si parla di come ho avuto un’infanzia all’insegna degli abusi. Avere a che fare con questi personaggi per sedici episodi, ovviamente ci porta a trovare più da fare. Carol e Daryl hanno un forte legame, e ho avuto modo di esplorare le cose con mio fratello, ad esempio.

D: La reunion tra Daryl e Merle in questa stagione, è stata bella per te e Michael Rooker come lo è stata per i fan?

R: Ci vogliamo bene; siamo grandissimi amici. E’ fantastico e un così grande attore. E’ anche stupendo da guardare. Siamo già simili in molti modi, e diventiamo più simili nello show.

D: Michael Rooker dice che si entusiasma parecchio nelle scene di lotta. Nessuno dei due ha superato il limite quando avete combattuto nell’arena?

R: Si viene sempre un po’ colpiti – una gomitata o qualcosa del genere. Le scene di lotta possono essere davvero intense. Questa scena, potevamo interpretarla in due modi: potevamo farla come l’abbiamo fatta, o potevamo farla come due indomabili animali selvaggi. La mia scelta è stata quella di interpretarla come un’esecuzione. Non si trattava assolutamente del Governatore – si trattava solo della dinamica fratello minore-fratello maggiore, stabilendo chi è chi.

D: Chandler Riggs mi ha detto che riesce a sopravvivere senza molti altri ragazzini sul set, perché ci sei tu che lo sei. Quanto precisa è quest’affermazione?  

R: Ho intenzione di fare nero quel ragazzino. Chandler è più adulto di me e Steven messi insieme. Sta sempre con noi. E’ davvero bravo con gli aggeggi e le cose tecnologiche. Ho ricevuto un sacco di posta dai fan con giocattoli, giochi e cose del genere, e di solito do queste cose a Chandler. E’ uno dei migliori attori nel nostro show, senza dubbio, ed è tostissimo in questa stagione.

D: Daryl ha coniato il soprannome “Piccola spaccaculi” per la bambina. Te lo sei inventato tu?

R: No, l’hanno inventato gli sceneggiatori. Continuavo a chiamarla accidentalmente “Piccola baciaculi” in realtà.

D: Tenuto conto di tutte le morti nello show, ti sei mai preoccupato del fatto che il tuo personaggio potesse essere il prossimo ad andarsene?

R: Credo che tutti abbiamo paura. Nessuno è al sicuro in questo mondo – nel nostro show, così come nel nostro gruppo. Ognuno è un bersaglio mobile. Non credo che nessuno pensi che ci sarà ancora per un certo numero di episodi. Pensano che potrebbero andarsene in qualsiasi momento, e i produttori hanno messo in chiaro le cose. Abbiamo tutti paura.

FONTE: AMC Tv

© Traduzione a cura del Norman Reedus Italia *Elena*

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Facebook
Twitter
Google +
The Sun’s Coming Up… Like A Big Bald Head

Photographs by Norman Reedus, is a limited-edition collector’s volume. Through his penetrating imagery, Reedus takes us on what proves to be a hauntingly intimate journey through the dark and sublime.

Affiliates
Legal Disclaimer
Licenza Creative Commons
©NormanReedusItalia by NormanReedusItalia is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.normanreedus.it/contatti/.
Visualizzazione
Sito Ottimizzato per Mozilla Firefox v.2+. L'utilizzo di browser differenti potrebbe non garantire la giusta visualizzazione del sito e il corretto funzionamento di alcune applicazioni.

Copyright © 2012. All Rights Reserved.