Norman Reedus ci dimostra che non se ne ha mai abbastanza di ‘The Walking Dead’

Pochi anni fa, chi avrebbe pensato che una serie sugli zombie avrebbe incollato il mondo intero allo schermo per un estremo festival settimanale di spargimento di sangue? Beh, è successo.

Si potrebbe sostenere che il successo di “The Walking Dead” sia dovuto in parte all’ottima sceneggiatura, alle audaci scene di morte, ai “walkers”, all’incredibile piega che prendono gli eventi e, sì, al fattore “bleah”.  Ma ogni fan dell’attore Norman Reedus vi dirà che il suo personaggio, Daryl Dixon, è la vera ragione per cui lo show dell’AMC continua ad avere tutto questo successo. Parti uguali di sensibilità, potenza e forza, solo a Reedus potevano appartenere e solo lui poteva interpretare (scusate il gioco di parole ovvio) un personaggio così unico e dal ruolo così complesso. E nessun altro può sfoderare l’ardente, e un po’ sporco, insanguinato marchio di sensualità che Reedus dà a Dixon nello show. L’attore di recente ha parlato con Arizona Sports & Lifestyle Magazine per darci qualche informazione su questo show di successo e qualche notizia su quello che accade dietro le quinte, oltre ad un paio di piccole anticipazioni sull’imminente quarta stagione di “The Walking Dead,” che debutterà il 13 ottobre. “Siamo stati davvero bravi ad accennare sulle storie passate dei personaggi in modo indiretto a volte”, ha detto Reedus, “e giusto quando le persone credono di conoscere i personaggi, scoprono qualcosa di diverso su di loro, qualcosa che li rende quelli che sono. Ho sempre trovato tutto ciò davvero grandioso. Penso che i nostri sceneggiatori siano davvero bravi in questo.

Reedus è pronto a sottolineare l’importanza di tutto il cast. “Ho sempre considerato tutti i personaggi dei personaggi principali. Sono tutti importanti e tutte le loro storie sono importanti. Ogni singolo personaggio e ogni singola interpretazione di questi personaggi sono importanti per la storia.”  Come i fan irriducibili sapranno, “The Walking Dead” è nato da una serie di fumetti con lo stesso nome, e il personaggio di Reedus, Daryl Dixon, non faceva riferimento a quei libri originali. Come tale, a Reedus e ai suoi compagni di cast vengono dati degli input per sviluppare i loro personaggi sullo schermo. “Penso che sia così per tutti … anche per quelli che sono presenti nei fumetti. Quello che fanno e come sono interpretati, gli sceneggiatori ne prendono atto …,” ha dichiarato Reedus. “A volte, quando si fanno cose in televisione, si ha molto tempo per interpretare un personaggio, quindi si arriva a plasmarlo in certe direzioni. Si va verso una direzione e le storie sono scritte per te in quella direzione.

Si va verso la direzione opposta e sono scritte per te, nella direzione opposta.” Fin dall’inizio, la sceneggiatura in “The Walking Dead” è stata a dir poco geniale. Si tratta, infatti, di un impegno collaborativo da parte del talentuoso team di scrittori. “Hanno tutti idee che sono fantastiche. Sono un gruppo molto unito e anche noi siamo molto uniti con loro … non vedo l’ora di vedere cosa porterà la quarta stagione,” ha detto Reedus. L’arma scelta da Daryl Dixon nelle battaglie contro gli zombie è una balestra. Si potrebbe dire che l’arma è la sua “firma.”  “Sono grande con una balestra! Ci lavoro da un paio d’anni, quindi spero di cavarmela bene con quell’arma,” ha scherzato Reedus. “Ogni anno rubo le balestre, quindi ricevo sempre una chiamata una settimana dopo aver finito le riprese, del tipo, ‘Dov’è la balestra?’ ed io rispondo, ‘E’ appesa al mio muro’ e loro dicono, ‘Dannazione, Norman … ci devi 1.000 dollari.’” Recentemente in una diretta televisiva a Tokyo ha sparato una lunga freccia. Quegli idioti sono alti due metri, e l’istruttore era sicuro che l’attore non sarebbe riuscito a colpire il bersaglio. “Giusto quando ha detto questo, ho colpito il bersaglio,” ha detto Reedus. Sì, lui sa come muoversi con un’arma. Ma c’è una grande componente di sicurezza per tutto.

Per quanto riguarda AK47s e M16s … abbiamo un grandissimo esperto di armi nel nostro show che ci porta una vasta gamma di armi con cui facciamo pratica e con cui ci sentiamo a nostro agio,” ha spiegato Reedus. “Non abbiamo munizioni vere, ovviamente, ma abbiamo cartucce a salve. Le cartucce a salve possono farti un buco. Non si tratta solo di colpire il bersaglio. Non si può mai mancare in televisione – devi sempre centrare il bersaglio perché c’è un trucco di editing che mostrerà la cosa esplodere dall’altra parte.” La sicurezza è una priorità enorme non solo per i singoli attori in scena, ma anche per chiunque altro. “E’ importante sentirsi al sicuro con l’arma così ci si può muovere in gruppo e non fallire … sei molto consapevole di tutti attorno a te, così non ci sono incidenti. E’ molto bravo a tenerci al sicuro, a farci sentire al sicuro e a far sentire al sicuro gli altri attori …,” ha spiegato Reedus. Non c’è nulla di ordinario in una settimana di lavoro in “Walking Dead”.

Durante le riprese di “The Walking Dead”, quasi tutta la crew vive al di fuori dell’area di Atlanta (in Georgia). Reedus? Sta un po’ più lontano nei boschi. “Ho una motocicletta lassù. Corro in moto nella zona e non c’è nessuna macchina … forse alcune mucche che vanno in giro,” ha detto. In realtà, si ambienta sul luogo in cui vive in base alle opportunità che i luoghi attorno gli danno di andare in moto. Quindi immaginate Reedus a “darsi carica” con un po’ di caffè, caricando il suo iPod nello zaino e che porta a spasso la sua moto per il set di “The Walking Dead” mentre è ancora buio. “Il sole sorge durante il tragitto per il lavoro,” ha spiegato Reedus.  “Vado dritto verso il trucco e parrucco che fondamentalmente è solo una festa. C’è esplosione di musica e tutti attorno ballano e bevono caffè … poi diventiamo seri e insanguinati, usciamo dalla roulotte e iniziamo la giornata lavorativa alle sette o otto di mattina, alcune volte più tardi.” “The Walking Dead” si gira anche di notte, e il cast di solito è stanco morto (scusate, non potevo resistere) dopo una lunga settimana di riprese. Eppure, loro trovano il tempo per fare promozione nei fine settimana. Con tali famelici fan che divorano ogni boccone di curiosità sullo show e sviluppo del personaggio, è fantastico vedere il cast così desideroso di partecipare con i loro fan alle convention e alle comic con. “Mi piace molto uscire e incontrare i fan e vedere l’eccitazione di tutti sui personaggi e sul mio personaggio e sullo show in generale,” ha dichiarato Reedus. “E’ davvero divertente.

E’ divertente vedere i bambini piccoli con sangue sulle loro facce. Mi piacciono quelle cose.” Ogni tanto, gli incontri con i fan vanno a finire in “strani” territori, come la volta in cui un fan ha portato a Reedus una borsa di plastica piena di carne di scoiattolo. (Il personaggio di Daryl Dixon ha cacciato scoiattoli nello show.) Il cast trascorre del tempo insieme, anche quando non ci sono le riprese. “A volte nei fine settimana, gli attori si riuniscono e dicono le loro idee e provano e discutono l’uno con l’altro. Siamo un cast unito quindi usciamo insieme nei fine settimana, come fa il gruppo,” ha spiegato Reedus. “Siamo tutti una famiglia molto unita, e credo che le riprese laggiù nei boschi chiusi nella nostra piccola bolla ci aiuti a farlo e ci aiuti mantenere alta la concentrazione.” L’attore non ricorda di aver mai girato in Arizona, ma ci è stato per vistarla. “Ho guidato da costa a costa e mi piace sempre venire da queste parti. Mi sento sempre bene quando guido per il paese – ci sono scenari completamente diversi. E’ bellissimo qui,” ha dichiarato Reedus. “Adoro il deserto e adoro il caldo.” Forse vedremo Reedus qui in Arizona in futuro? “Hey, datemi un lavoro così posso venirmi a rilassare e a prendere il sole!” ha concluso l’attore. Ok, quale regista dell’Arizona ha un ruolo per Norman Reedus? Fatelo accadere.

Ci sono state molte ipotesi circa la follia che potrebbe esserci nella prossima stagione. Con le perdite scioccanti di personaggi principali come Lori, Andrea e Merle Dixon nell’ultima stagione, sembra che “The Walking Dead” non lasci nulla d’intentato nelle sue linee di storia. Alcune voci che girano su internet, parlano della possibile comparsa di un bambino nella nuova stagione. Sarà un bambino zombie? Questo sarebbe certamente un territorio inesplorato. Ma complimenti alle persone dell’AMC che sono riuscite per le prime tre stagioni e tenere ben chiusa la serratura su quasi ogni bocconcino succoso per quanto riguarda il copione. Questa stagione inizierà il 13 ottobre con otto episodi, con i restanti otto episodi in onda a partire da febbraio 2014.

FONTEAZ Sports & Lifestyle Magazine

© Traduzione a cura del Norman Reedus Italia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Facebook
Twitter
Google +
The Sun’s Coming Up… Like A Big Bald Head

Photographs by Norman Reedus, is a limited-edition collector’s volume. Through his penetrating imagery, Reedus takes us on what proves to be a hauntingly intimate journey through the dark and sublime.

Affiliates
Legal Disclaimer
Licenza Creative Commons
©NormanReedusItalia by NormanReedusItalia is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.normanreedus.it/contatti/.
Visualizzazione
Sito Ottimizzato per Mozilla Firefox v.2+. L'utilizzo di browser differenti potrebbe non garantire la giusta visualizzazione del sito e il corretto funzionamento di alcune applicazioni.

Copyright © 2012. All Rights Reserved.