La star di ‘Walking Dead’: ‘Non mi piacciono gli scontri’

(Photo by John Shearer/Invision for AMC/AP Images)

In “The Walking Dead,” Norman Reedus interpreta Daryl Dixon, un rude e grezzo ragazzo del sud con un cuore d’oro – e un debole per l’uso della balestra con cui sparare in faccia agli zombie. Nella vita reale, è un padre quarantacinquenne che ordina patatine a domicilio, che mangia nel suo appartamento di Chinatown, stravaccato in salotto con indosso una tutina che lui dice, somigli a un costume da gatto.

La gente pensa che io sia questo ragazzo arrabbiato, scontroso e pronto alla lotta, ma sono un tipo innocuo,” dice al The Post.  “Sono una specie di smidollato. Non mi piacciono per niente gli scontri. Non mi piace nemmeno guardare altre persone che si scontrano.

Nato a Hollywood, in Florida, Reedus ha fatto il suo debutto cinematografico nel film di Guillermo del Toro del 1997, “Mimic”, prima di sfondare nel 2000 con “The Boondock Saints.” Da allora ha lavorato costantemente, facendo anche delle piccole parti in “Streghe” e “Law & Order: Special Victims Unit.” Ma il successo di “The Walking Dead” nel 2010 ha portato la sua notorietà a un nuovo livello. I fan dello show sono rabbiosi, a dir poco – e, a quanto pare, categorici.

Ricevo lettere dai fans, e sono tipo, ‘Dovresti tagliarti I capelli. Dovresti davvero lavarti i capelli,’ ” dice. “Ed io, ‘Sapete che si tratta di un’apocalisse zombie? Non è uno show sugli avvocati.’ ”

I fan sono insistenti anche sul fatto che il suo personaggio abbia una storia, in particolare con Carol (Melissa McBride), un personaggio che ha subito abusi dal marito fino a che uno zombie non l’ha mangiato. Ma Reedus non è molto sicuro che sia una buona idea.

Sono due persone davvero danneggiate,” spiega. “Ma non so, [Daryl] non è legato a nessuno a questo punto. E’ la fine del mondo, e penso che si ottiene l’amore dove lo si può trovare.

Questo non è molto diverso dalla realtà di Reedus.

Sono praticamente single in tutte le aree della mia vita al momento,” dice. “Sono come una vecchia gattara.

Non è sempre stato così. Dal 1998 al 2003, ha avuto una relazione con Helena Christensen, che ha conosciuto tramite un’amica in comune, la fotografa Yelena Yemchuk.

Credo che Helena abbia visto una mia foto e abbia detto, ‘Chi è?’ e Yelena, ‘Oh, è il fottuto Norman,’ e ha portato Helena a incontrarmi alla festa di compleanno di un amico,” dice.

Lui e la Christensen non stanno più insieme, ma sono genitori del loro figlio quattordicenne, Mingus.

Quando Mingus era più piccolo, era un po’ difficile, dividendosi tra due posti,” dice Reedus. Ora, “lui ha il meglio di entrambi i mondi. L’unica parte dura è, ‘Dove sono i suoi pantaloni della tuta? Sono a casa tua o a casa mia?’

E Reedus considera ancora la Christensen un’amica.

E’ una ragazza davvero in gamba,” dice. “E’ davvero intelligente e ridiamo delle stesse stronzate.

A dicembre, è stato visto mano nella mano con la modella ventenne Cecilia Singley. Ma sembra che le cose si siano raffreddate da allora.

In questi giorni, quando non passa il tempo a massacrare zombie o a scattare foto (ha pubblicato un libro delle sue opere lo scorso autunno), si rintana con il suo gatto nero, Eye in the Dark. Il felino è stato chiamato così da Mingus in un momento in cui Reedus non poteva tenere le luci accese.

Mingus aveva solo cinque anni circa, e venne da me per dirmi, ‘Voglio un gatto nero.’ Quindi sono andato ovunque per trovare un gatto nero, e poi finalmente questo rifugio nell’East Village mi ha detto che ne avevano uno ma che probabilmente non lo avrei voluto,” ricorda Reedus. “Sono andato lì e il gatto stava … soffiando. Aveva questo schizzato, rigido, feroce modo di urlare.

Reedus adora fare il suo ragazzo felice. Dice che Mingus ha avuto la prima copia del primo video game di “Walking Dead”.

Ho dimenticato che conteneva imprecazioni,” dice. “Ero seduto dietro [Mingus] mentre giocava, e tutto a un tratto senti me dire una parolaccia, e si è girato con la bocca aperta, tipo, ‘Ahh!’

L’attore porta il suo senso di bizzarria sul set, inoltre.  Trova momenti di frivolezza con il leader della serie, Andrew Lincoln, che interpreta Rick Grimes.

Ogni tanto, c’è una scena davvero intensa, e siamo solo io e Andy, e siamo vicini l’un l’altro, ed io sussurro, ‘Ti amo,’ e lui sussurra, ‘Fottiti,’” dice.

Reedus inoltre sfrutta al massimo il dover sopportare quarantacinque minuti di trucco ogni giorno.

Dico sempre al truccatore che voglio che la gente pensi di poter sentire il mio odore attraverso la televisione,” dice. “E qualche volta rubo i piccoli sacchetti di sporcizia così posso mettermene di più quando nessuno guarda.

In realtà, lui è noto per aver la mano lesta.

Ho rubato una balestra [dal set] ogni anno.” dice, ridendo. “Il che probabilmente è un crimine, quindi non so se dovrei dirtelo.

FONTE: New York Post

© Traduzione a cura del Norman Reedus Italia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Facebook
Twitter
Google +
The Sun’s Coming Up… Like A Big Bald Head

Photographs by Norman Reedus, is a limited-edition collector’s volume. Through his penetrating imagery, Reedus takes us on what proves to be a hauntingly intimate journey through the dark and sublime.

Affiliates
Legal Disclaimer
Licenza Creative Commons
©NormanReedusItalia by NormanReedusItalia is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.normanreedus.it/contatti/.
Visualizzazione
Sito Ottimizzato per Mozilla Firefox v.2+. L'utilizzo di browser differenti potrebbe non garantire la giusta visualizzazione del sito e il corretto funzionamento di alcune applicazioni.

Copyright © 2012. All Rights Reserved.