Intervista con Laurie Collyer e Norman Reedus per Sunlight Jr.

norman reedus

Photo: Ken Arcara

Alla premiere di Sunlight Jr. al Tribeca Film Festival 2013 abbiamo incontrato la regista Laurie Collyer, e Norman Reedus, uno degli attori principali. Sunlight Jr. racconta la storia d’amore di una coppia di disagiati della Florida, Melissa (Naomi Watts) e Richie (Matt Dillon) che hanno a che fare con una gravidanza inaspettata e la rovina del sogno americano. Il film indipendente è girato nella soleggiata Florida e vede tra i protagonisti anche Tess Harper e William Haze.

Laurie, è stato impegnativo per te scrivere e dirigere il film?

Laurie Collyer: Se è stato impegnativo? E’ il più bel lavoro al mondo, sono privilegiata.

In Sherrybaby hai incentrato la storia attorno ad una madre eroinomane appena uscita di prigione, ora ci racconti di una coppia che vive ai margini della povertà, come hai iniziato a interessarti a girare film sulla classe povera americana?

LC: Io davvero non so la risposta a questa domanda, in realtà ci stavo pensando in taxi. Perché questo è il fatto – se sei un’artista e hai idee non è perché hai analizzato te stesso. Se chiedete ai miei amici, potrebbero essere in grado di rispondere.

Quindi, come hai avuto l’idea di Sunlight Jr.?

LC: Sono stata ispirata dal libro Una paga da fame. Come (non) si arriva alla fine del mese nel paese più ricco del mondo, di Barbara Ehrenreich, e per molto tempo ho pensato di fare un documentario. Poi mi sono svegliata un giorno “Oh, a dire il vero sei una scrittrice, Laurie”, puoi scrivere questa storia.

Ti vedi a scrivere un libro in futuro?

LC: Sì, mi piacerebbe scrivere un romanzo, ma ci penserò quando sarò vecchia.

Norman, come hai fatto a partecipare a questo film?

Norman Reedus: Laurie mi ha contattato e ho preso un caffè con lei a Little Italy e indossava questa maglietta punk-rock ed era fantastica e avevamo gusti simili e quindi mi sono detto “cavolo sì”.

Puoi dirci qualcosa sul tuo personaggio?

NR: Sono una carogna totale. La peggiore. Arrivi a lavorare con Naomi Watts, Matt Dillon, attori di grosso calibro ed io sono stato solo una carogna.  

E’ stato facile interpretare una carogna o è stato difficile?  

NR: Non è stato così difficile. Il difficile è stato scusarmi per quello che stavo facendo: “Scusa Naomi per quello che ho fatto oggi, mi scuso per quello che ti farò domani”, sai cosa voglio dire, è stato spesso così.

Cosa ti è piaciuto della sceneggiatura?

NR: E’ reale. Mi piacciono le sceneggiature realistiche. E’ una tragedia quello che accade ma è la vita ed è decisamente una descrizione realistica della vita.

Che cosa ammiri di Laurie, la regista?

NR: Lei ha in se questa qualità, quella che ti fa sapere che si fida di te così tu ce la metti tutta per fare bene il tuo lavoro.  

FONTE: The upcoming

© Traduzione a cura del Norman Reedus Italia *Elena*

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Facebook
Twitter
Google +
The Sun’s Coming Up… Like A Big Bald Head

Photographs by Norman Reedus, is a limited-edition collector’s volume. Through his penetrating imagery, Reedus takes us on what proves to be a hauntingly intimate journey through the dark and sublime.

Affiliates
Legal Disclaimer
Licenza Creative Commons
©NormanReedusItalia by NormanReedusItalia is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.normanreedus.it/contatti/.
Visualizzazione
Sito Ottimizzato per Mozilla Firefox v.2+. L'utilizzo di browser differenti potrebbe non garantire la giusta visualizzazione del sito e il corretto funzionamento di alcune applicazioni.

Copyright © 2012. All Rights Reserved.